Guida alla vostra visita di Anzola

Cosa vedere ad Anzola

La CHIESA PARROCCHIALE DEI SANTI PIETRO E PAOLO che nel tempo ha subito moltissimi rifacimenti finche' intorno al 1638 il cardinale Colonna preferi' farla abbattere perche' pericolante per poi riedificarla nella forma di oggi.

Il campanile fu risistemato nel 1834 e in quell'occasione vi furono poste 5 campane. All'interno notevole il fonte battesimale del 1200 e il tempietto battesimale del 1600. Sul lato della chiesa ci sono due meridiane postevi da don Gaetano Mastellari una delle quali segna l'ora esatta di Anzola.

Attiguo alla chiesa L'ORATORIO DELLA VERGINE IMMACOLATA che venne edificato nel 1777 per conto della Compagnia del Sacramento. All'interno un quadro di Guardassoni raffigurante la Beata Vergine.

Di rimpetto alla chiesa la TORRE RE ENZO cosi' denominata perche' nel 1219 ospito' re Enzo catturato dai Bolognesi in battaglia. Pare che in questo periodo maturasse una certa amicizia tra il Conte Orsi e lo stesso Re Enzo al punto che fu approntato un sistema per farlo fuggire con la complicita' di Raniero Gonfalonieri e Pietro Degli Asinelli. Tentativo di fuga fallito.

Sempre nel territorio di Anzola si trova l'ORATORIO DELLA MADONNA DELLA NEVE che risale al XIX secolo con all'interno un prestigioso gruppo di terracotta attribuito all'Algardi rafficurante la Vergine col Bambino.

Nella frazione di Anzola San Giacomo del Martignone c'e' la Villa Zambeccari costruita nel 1700.